sabato 18 gennaio 2014

Semolino dolce, per fritto misto alla piemontese

Oggi voglio proporvi una vera delizia, di cui sono sempre stata molto golosa. Un tempo però a prepararmela era la nonna, e il suo fritto misto alla piemontese era spettacolare!!.. Se pensate di averne già mangiati di buoni, perdonate la presunzione ma quello di mia nonna era veramente imbattibile!.. Chi ha avuto la fortuna di conoscerla, di sedere alla sua tavola, a casa o al suo ristorante.. Bè, non può che ricordare con piacere e condividere la mia opinione. Purtroppo però, ormai la mia nonna non c'è più, e sapete una cosa?.. Non mi ha mai lasciato la sua ricetta per il semolino dolce!.. Ogni volta che gliela chiedevo, mi rispondeva che non ce n'era bisogno, perché quando volevo mangiare la polentina fritta, bastava chiedergliela e lei me l'avrebbe sempre fatta. E così è successo fino a pochi giorni prima che morisse. 
Avevo già fatto un tentativo, complice la ricetta valdostana che proposi tempo fa, ma come avevo scritto, non ero completamente soddisfatta del risultato. Mancava qualcosa, non era cattiva, questo no, ma non era speciale come quella della mia nonna. Spesso non è facile riproporre ricette che si trovano sui libri di cucina tipica, che nella maggior parte dei casi non corrispondono al piatto vero e proprio. Spesso le ricette, venivano tramandate a parole e le dosi erano approssimative, il quanto basta era di casa, ma oggi sono contenta di potervi lasciare una ricetta che si avvicina molto alla ricetta della nonna, e mi permetto di dire che continuerò a provarci, perché sono golosissima di semolino fritto e non sono l'unica a casa mia!... Ringrazio di cuore, Marisa Corgnati, amica e cliente da sempre, che mi ha donato questa preziosa ricetta, che faceva già la sua mamma, che come la mia nonna è tra le stelle... Quante cuoche lassù!.. Ma non lasciamoci travolgere dalla malinconia e prepariamo insieme questa deliziosa ricetta, che a differenza di molte, è ottima!.
 Un risultato assicurato e commensali soddisfatti, ma come dico spesso, bando alle ciance ed eccovi gli ingredienti per preparare i semolini dolci fritti, classici del fritto misto alla piemontese, che prevede una parte di cibi salata: fettina impanata, salsiccetta, cervella, fegato) (io solitamente non preparo cervella e fegato perché non rientrano nei miei gusti) e una parte dolce: SEMOLINO DOLCE FRITTO, mela in pastella fritta, un tortello ripieno di confettura fritto, amaretti in pastella fritti e pavesini con la confettura, solitamente all'albicocca. Questo era il classico, poi oggi ci sono aggiunte con fritti di frutta esotica, che però, nulla hanno a che vedere con il classico fritto misto alla piemontese. 

semolino dolce fritto alla piemontese

Dosi per 6 persone:
Semolino dolce fritto

un litro di latte intero
200 gr di semolino ( io semola per gnocchi e minestre Barilla)
10 cucchiai di zucchero (ben pieni)
la scorza di un limone grattugiata
un pizzico di sale
1 o 2 bustine di vanillina (io una)

un tuorlo d'uovo 

  • Facoltativo: potete aggiungere un goccio di liquore, tipo Sassolino, un liquore questo in cui prevale l'anice. Oppure un goccio di Amaretto, non si sentirà ma legherà il tutto ancor di più. 
un uovo e pane grattato per impanare
olio per friggere (io olio di arachidi)


semolino dolce fritto

  1. Per prima cosa, vi consiglio di preparare il semolino, la sera per il giorno seguente, così che possa raffreddare bene tutta la notte, oppure prepararlo la mattina per la sera. Il semolino ha il vantaggio che può essere preparato il giorno prima. 
  2. Potete preparare il semolino in pentola o nel Bimby. Aggiungendo prima il latte, poi lo zucchero, e poco alla volta la semola, per evitare che si formino grumi. Durante la cottura, aggiungete un pizzico di sale, la vanillina, una o due bustine a seconda se preferite che si senta il gusto di vaniglia e la scorza del limone grattugiata. 
  3. Se preparate il semolino nel Bimby, inserite nel boccale il latte e la fate scaldare a 100° per 5 minuti a velocità Soft. Poi quando ha raggiunto la temperatura aggiungete lo zucchero e la semola poco a poco, senza spegnerlo, aumentando progressivamente i minuti, in tutto, nemmeno una ventina di minuti (15/16 l'ideale) a velocità 4. 
  4. Aggiungete il pizzico di sale durante la cottura, un goccio di liquore se lo mettete e la scorza del limone grattugiata. 
  5. Quando il semolino è pronto e cotto, aggiungete il tuorlo d'uovo e mescolate bene se preparate a mano, oppure se usate il bimby, frullate ancora qualche secondo. 
  6. Preparate una teglia, non grande, con i bordi alti e possibilmente rettangolare (io ahimè l'avevo solo tonda, le altre erano troppo grandi!) e ungetela leggermente con un poco d'olio. (Non usate la carta forno)
  7. Stendetela uniformemente e lasciatela raffreddare qualche ora. Meglio se per una notte intera. 
  8. Trascorso questo tempo, tagliate il semolino a rombi, come vedete nelle foto con il numero 2. 
  9. Sbattete un uovo (se piccolo ne serviranno 2) e passate i rombi di semolino, prima nell'uovo e poi nel pane grattato. Metteteli in un piatto e preparatevi per friggere i semolini. 
  10. In ultimo fate scaldare abbondante olio, possibilmente di arachide e se avete la fortuna di avere una friggitrice o una piastra a induzione, usate quelli per friggere i semolini. Vi aiuteranno a mantenere la temperatura dell'olio costante, così che non annerisca e diventi a quel punto nocivo, e otterrete uno splendido fritto. Io per i fritti, solitamente uso la piastra a induzione. 
  11. Fate dorare leggermente i semolini dolci e adagiateli in un piatto o teglia con carta assorbente da cucina. 
  • Sono molto buoni e ancor più buoni il giorno dopo!.. Potete spolverare i semolini fritti con zucchero semolato, ma io li preferisco senza, come faceva la mia nonna. 

semolino dolce

Una ricetta questa, legata alla mia infanzia e non solo..
Spero la proverete e vedrete che non vi deluderà!
Provate questa ricetta tipica piemontese,
vi abbraccio, 
Cinzia 

7 commenti:

  1. Che nostalgia leggere il tuo post! Capisco la sensazione... Questo piatto non lo conoscevo per niente e sono proprio curiosa di provarlo!

    RispondiElimina
  2. Piatti intramontabili... Non conosco questa ricetta, ma ha un aspetto così invitante che non può non essere come ce lo descrivi tu.... Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. davvero buonissimo, l'ho assaggiato una volta dalle tue parti, magnifico!
    Grazie della ricetta e del consiglio della piastra ad induzione...non è da sottovalutare!

    RispondiElimina
  4. Mi piace molto il contrasto tra il dolce e il fritto,anche qua in liguria si fa con il fritto misto di terra in alcune zone!!ma i vostri antipasti piemontesi sono unici e abbbbbbbbbbbbbondanti!!

    RispondiElimina
  5. Non conosco questa ricetta.. però... senz'altro saranno sfiziosi!! smackkk

    RispondiElimina
  6. io adoro il semolino dolce fritto.... non mi sono ancora decisa a provare a farlo! intanto... pinno ancora la tua ricetta! un abbraccio
    Clelia

    RispondiElimina
  7. Sai che il semolino fritto si fa anche nel fritto misto alla genovese, le dosi sono un po' diverse e possiamo usare anche la farina bianca e lo chiamiamo latte dolce. Buonissimo, hai ragione, bacione

    RispondiElimina

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..