giovedì 10 ottobre 2013

Pollo al limone e lavanda

La lavanda mi piace molto, e visto che nel mio giardino è ancora in parte fiorita, non potevo perdere l'occasione di provare l'abbinamento con la carne di pollo che ben si presta a questi esperimenti culinari. Il risultato è stato delizioso!.. Bisogna solo usare la lavanda con moderazione, perché se si esagera, il piatto saprà di sapone, di bucato appena fatto.. Sono molto soddisfatta del risultato, anche se un pò timorosa ho usato dosi molto ridotte, che però si sono rivelate perfette, così la prossima volta non farò altro che raddoppiarle, visto che è piaciuto molto!. Ha gradito anche il mio piccolo che è molto abitudinario nel cibo. Ma passiamo alla semplice ricetta che può essere proposta semplicemente come un ottimo secondo di carne, oppure adatto anche ad occasioni speciali  o ancora per un pranzo o cena informali. 


Ingredienti per 2 persone:

mezzo petto di pollo (tagliato a fettine non troppo sottili)
un rametto di lavanda 
3 cucchiai di olio di oliva 
1 cucchiaio e mezzo di succo di limone
la scorza grattugiata di mezzo limone (io della mia pianta)
un cucchiaio raso di miele (io ho usato miele di acacia)
un rametto di timo

Per prima cosa preparate la marinata per la carne:
Prendete il rametto di lavanda e togliete i fiori ancora chiusi, schiacciateli nel mortaio e poi metteteli in una ciotola con l'olio d'oliva, il miele, la scorza e il succo del limone e il rametto di timo (non troppo, mi raccomando, altrimenti predominerà sulla lavanda, le quantità devo essere praticamente equivalenti). Mescolate il tutto e mettete da parte.

A questo punto, tagliate il petto di pollo a fettine, non troppo sottili e mettetelo a macerare nel composto precedente. Almeno per un'ora.

Trascorso questo tempo, prendete un foglio di carta da forno e adagiatelo in una pirofila o teglia. Versate sul foglio la carne di pollo con il liquido di macerazione, salate e richiudete a fagottino la carta forno. 

In modo da ottenere una cottura al cartoccio. 

Infornate, in forno già caldo a 180° per una trentina di minuti, e quando sarà praticamente cotto, aprite, senza scottarvi, il fagottino di carta forno e fate rapprendere qualche minuto il liquido di macerazione. 

Spegnete e servite caldo. 

Ricordatevi di non eccedere nell'uso della lavanda e del timo. I sapori devono essere ben bilanciati. 


Con questa ricetta partecipo al contest di Ameliè,
una ricetta dal sapore provenzale, e molto francese. 


Vi auguro una buona giornata,
a presto
Cinzia 

9 commenti:

  1. Hai ragione...io ho fatto solo due esperimenti in cucina con la lavanda, un muffin immangiabile e dei biscotti deliziosi...bisogna sempre trovare il giusto equilibrio e non è facile!!
    Complimenti per la tua bella idea!

    RispondiElimina
  2. Non ho mai utilizzato la lavanda in cucina!!!!! ma la cosa che mi lascia invidiosa.. è che la tua è ancora in fioreeeee :-D... bacioni cara.. il tuo pollo deve essere delizioso...

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia, questa ricetta, Cindy ....anche da vedere è proprio uno spettacolo!!!! Bravissima, amica mia <3

    RispondiElimina
  4. Sicuramente un secondo piatto delizioso e profumato! :)

    RispondiElimina
  5. Ciao cara, originalissima ricetta, adoro la lavanda, ma ho sempre utilizzato i suoi fiori per preparare dolci (biscotti e gelato), devo sperimentare anch'io :)
    Un abbraccio e complimenti!!!!

    RispondiElimina
  6. Oh, che peccatoooo!!!...
    La mia è già sfiorita... ;(
    Ma la tengo buona per l'anno prossimo!!!... ^_^
    Sicuramente di grande effetto!!!... e poi... io adoro la lavanda!!! ^_^
    Bacioni,
    Vale ;)

    RispondiElimina
  7. non ho ancora mai provato ad usare la lavanda in cucina...ma devo tentare!!! la tua ricetta mi alletta molto!
    Clelia

    RispondiElimina
  8. Anche io sono quelli che non ha mai provato ad usare la lavanda in cucina,proverò e come dici tu senza abbondare :-)
    Buon week e a presto

    RispondiElimina
  9. E' una ricetta strepitosa cara Cinzia, con cui ho stupito più di una volta i miei commensali ma ti assicuro che è ottima anche con il pollo arrosto nel forno, con tanto di crosticina croccante.
    La prima volta invece io ho esagerato con la lavanda...ma ho imparato!
    Buon fine settimana
    Susana

    RispondiElimina

Grazie d'essere arrivato fin qui. Mi farebbe piacere mi lasciassi un commento, una traccia del tuo passaggio, che sia esso complimento o critica..